null

Le storie

di Francesco Meneguzzo

Schiesaro, la pasta il segreto pre-gara per segnare tanto

Pallone d'Argento 21 apr 2022
Nicola Schiesaro sta facendo molto bene in neroverde Nicola Schiesaro sta facendo molto bene in neroverde

Il Dueville sogna il double grazie anche ai guizzi del suo "Filippo Inzaghi". Partita a fari spenti e rigorosamente con un low profile, la squadra allenata da Davide Morselli vittoria dopo vittoria sta stupendo davvero tutti tanto da essere la regina incrostata nel girone D di Prima categoria.
Dati davvero impressionanti quelli finora totalizzati dai neroverdi che, a poche curve dal traguardo, sono lì in piena corsa su due fronti grazie anche ad una difesa coriacea (la seconda meno battuta del girone) e alla forza esplosiva del reparto avanzato (il migliore del girone) di cui fa parte appunto anche Nicola Schiesaro il quale, al primo anno a Dueville, finora ha piazzato 11 squilli e ben 6 assist. Stiamo parlando del classico puntero che non perdona, quello che magari per buona parte del match si danna l'anima per sbrigare il lavoro sporco ma quando poi la palla passa per l'area avversaria sono dolori per i difensori e i portieri che si presentano davanti a lui. «Non ho mai realizzato "golassi", non sono infatti quell'attaccante che riesce a timbrare il cartellino con conclusioni dalla distanza ma, al contrario, il mio habitat ideale è l'area di rigore: diciamo che cerco di essere il più efficace possibile, più di qualche volta ho siglato qualche gol di rapina alla pari - con le dovute proporzioni del caso ovviamente - di quello che è sempre stato il mio idolo calcistico ossia Filippo Inzaghi».

Viva la pasta In campo dunque Schiesaro, alla pari di tanti suoi colleghi, vive per il gol grazie anche all'immancabile piatto di pastasciutta ormai divenuto immancabile nel suo "pranzo" domenicale. «Prima di ogni partita mangio sempre la pasta in bianco, spesso e volentieri me la prepara mia mamma Giovanna o in sua mancanza mia nonna Luisa... in qualche occasione ho pure dovuto farmela ma - dice in tono scherzoso Schiesaro - ricorro ai fornelli solo quando non ho altre alternative».

Gol d'alta quota Cresciuto dunque a pasta e pallone, va detto nella vita di Schiesaro il calcio comunque non è tutto, al contrario si scopre che il bomber giallonero ama le camminate in montagna.«Appena ho un secondo libero non perdo l'occasione per salire in alta quota, amo infatti le camminate e al momento direi che la più bella è stata quelle delle 52 gallerie del Pasubio, un'esperienza da sempre unica, affascinante e con un valore storico incredibile».